Si è verificato un errore nel gadget

domenica 27 gennaio 2013

Piani geometrici di Akronos



Akronos con “piani geometrici” ha trasformato la Galleria Immaginaria di Firenze in un prato, uno spazio aperto, dove le tele sono fiori e le persone, come api, sciamano e si posano da un fiore all’altro imbrattandosi di polline. L’arte di Akronos, come il polline, si appiccica addosso regalando chiarezza e libertà. Il rigore dei quadrati c’impone l’ordine, la sovrapposizione delle forme fa' spazio nello spazio creando respiro e movimento. S’intuiscono la trasparenza e l’armonia grazie all’uso del colore degli antichi affreschi, il nostro corpo e la nostra mente si aprono e respirano fino a che l’abbandono al profumo di primavera è totale e i nostri sensi si ridestano per un auspicabile recupero. Nelle opere di Akronos intuiamo di poter nascondere i piani geometrici della nostra vita, il colore delicato o acceso è organza che si stende sopra e aiuta a dimenticare; nasce, così, la memoria alla quale attingiamo per il nostro continuo divenire così che i piani geometrici si possono leggere e sfogliare come pagine di un libro. In queste opere il tempo e lo spazio s’incontrano: il tempo divino Krònos incontra lo spazio umano, siamo in Akronos dal greco fuori dal tempo, qui il nostro equilibrio si sfalda, oramai il polline ci ha “contagiato”; nella trama ben visibile delle tele scorgiamo il nostro , esso non sparisce neppure con le sovrapposizioni dei piani e le molte, seppur leggere, mani di colore. Tutto ciò ci rassicura, c’incoraggia a voltare gli scritti della nostra vita con piacere e gioia, perché quest’arte rallegra e appaga con grazia ed eleganza.
A Firenze Anita Mollo (italiana laureata in lingua e letteratura inglese) incontra, per caso, Angela Longares (spagnola architetto d’interni). Nel 1982, dall’unione del tempo di Anita e dello spazio di Angela, è nato Akronos la loro firma d’arte, da trent’anni portano avanti un esperimento artistico lavorando a quattro mani. Nel loro studio, piccola e accogliente nicchia in S. Spirito, sbocciano fiori con tele di juta riciclata che rendono bello anche il retro del quadro. Come in un’antica bottega Anita e Angela preparano il supporto, costruiscono i telai di legno, dipingono lievi strati con colori in polvere legati a vinavil diluito, fino a che le tele si fanno memoria individuale e universale ma anche una ricerca e un’idea. La loro arte è essenza e, pur custodendo la cultura classica, incontra l’astrattismo, il minimalismo, la composizione e la scomposizione, il movimento.
La parola “si” fa immagine e poesia “… diventa ricerca pesante e leggera. Rotola per declivi estremi, si con-fonde con la vita stessa, si trasforma in colore: è PITTURA” come dicono Anita e Angela.
Sciamiamo verso “piani geometrici” di Akronos, fino al 15 marzo 2012 alla Galleria Immaginaria.

Nessun commento:

Posta un commento