Si è verificato un errore nel gadget

sabato 26 gennaio 2013

Guardare in alto di Vinicio Berti



Grande spazio, grandi tele, grandi colori, emozioni che spaccano, rompono, dilagano. Rabbia, speranza, esasperazione, forza, coerenza, sobrietà: tutto questo è “Guardare in alto” la mostra che si è inaugurata lo scorso 11 novembre 2011 alla Galleria Frittelli  Arte Contemporanea per i 20 anni dalla morte di Vinicio Berti. Occasione per vedere e rivedere le sue opere: venti opere di grandi dimensioni appartenenti al ciclo Guardare in alto, al quale l'artista ha lavorato durante tutti gli anni ‘80 fino alla sua morte nel 1991. I dipinti sono deflagrazioni, i colori a smalto sono potenti, le linee sono bombe che squarciano il quadro e noi stessi che guardiamo, spaccano dal basso verso l'alto, la forma è contenuto il colore, data l’intensità, è segno. L'immagine che ne viene è di un'esplosione/implosione, angoli che si amplificano verso l'alto, verso il cielo, verso l'universo, ci sentiamo navette spaziali nell’universo. Berti non capito, deluso, illuso, forse era troppo per i suoi contemporanei. Berti ancora attualissimo  richiama  frasi come “non ne possiamo più” ed allora scoppiamo e imploriamo, diciamo basta e proviamo a guardare in alto, al futuro, come speranza per un cambiamento “guardiamo in alto con.....
I colori di questi dipinti schizzano, come la materia, come il cervello che esplode, ricordi di guerre, tutte, i morti, i feriti, gli esplosivi. I suoi colori sono fortissimi, prepotenti, rossi accostati a blu intensi, i neri di ricostruzione, i bianchi che si s'incastrano a dare luce a queste tele. E’ una rottura col passato, col presente, una spinta verso una dimensione altra, verso una dimensione artistica e sociale importante e diversa. In queste opere c'è la sensibilità del suo tratto, la passione per la poesia e lo spirito fumettista dove il disegno si fa sintesi e messaggio: messaggi al mondo, a noi che li guardiamo e ci stupiamo di come sia sempre contemporaneo, grande disegnatore che coniuga la cultura umanista ed il primato del disegno della sua città, Firenze, e la scienza contemporanea. La pittura di Berti è propositiva, pone domande, dà risposte, nelle sue tele angoli di una Firenze meno provinciale più aperta verso il mondo, verso il nuovo, è una città che sale per fare un salto di qualità. La mostra è intensa, sofferente e seppur piena di interrogativi ci invita verso un allargamento di vedute e conoscenze, verso la diversità e lo sconosciuto, amplia i nostri orizzonti, li squarcia.
Il 5 novembre al Teatro Affratellamento “Omaggio a Pinocchio” , a cura di Carlo Frittelli e Corrado Marsan, tavole dedicate alle storie di Pinocchio reinterpretate da Vinicio Berti nel 1981, in occasione del centenario della nascita del burattino. Un altro Berti colorato, divertente, positivo, ottimista, giocoso e molto ironico nel riscrivere ogni illustrazione: scritti tra racconto fantasioso e realtà, bello spaccato di un periodo storico, politico, sociale degli anni ’80.

Nessun commento:

Posta un commento