Si è verificato un errore nel gadget

domenica 13 gennaio 2013

Appunti di viaggio: Egitto 2010



Appunti di viaggio: Egitto 2010” è la preziosa mostra dell’artista Fernando Cucci alla Galleria Libreria d’Arte Babele di Firenze fino al 3/ 11.
Piccole opere racchiuse in “Teche della memoria” a risaltarne il valore e la bellezza, sono gioielli contemporanei per rammentarci i monili rinvenuti nelle tombe dei faraoni. Le piccole teche sono come urne per un dialogo sempre aperto con il mondo dei morti: l’Aldilà dell’antico Egitto.
Le opere di Cucci sono eleganti e leggere nella loro ricchezza e materialità; stratificate e profonde ci riportano la nostra memoria atavica. La semplicità delle opere è data anche dall’uso, proprio come gli antichi, di pochi valori cromatici: l’ocra rossa del deserto, la foglia d’oro della regalità, il turchese del lapislazzulo e poi il catrame o il bitume che si trova nella sabbia ricca di petrolio.
Dentro la Galleria Libreria Babele, anch’essa scrigno di piccoli tesori, navighiamo il fiume degli Dei, scorgiamo il deserto, le oasi e le imponenti piramidi. Silenziosi e in punta di piedi entriamo nelle tombe, percorriamo cunicoli, scendiamo nella profondità della terra per incontrare Osiride. Non siamo impauriti ma grati di tanta bellezza perché Osiride non solo è il Dio degli inferi, ma è anche il Dio della fertilità poiché la morte e la nascita sono sempre legate in un continuo dialogo. Insieme ci rendono creativi, unici come unici ci fa sentire Cucci, l’unicità che percepiamo è quella che ci permette di essere una maglia a formare la rete dell’umanità. Scopriamo di essere in una Babele ma l’arte ci può unire e facilitare nel dialogo. L’artista con queste opere condivide con noi, intensamente e al presente, le sue sensazioni e le sue emozioni del suo viaggio in Egitto perché qui e ora, in questa galleria libreria, noi siamo in Egitto, noi vediamo ciò che lui ha appreso e preso forma dopo quasi due anni. I nostri occhi provano piacere, il corpo si rilassa in un benessere interiore, la gentilezza che ne deriva e la sedimentazione del dolore rende possibile il ricordo dei nostri morti. Tutto questo è la dolcezza degli addii perché ci sentiamo rasserenati e sicuri che non perderemo mai la comunicazione con l’Aldilà.
Dalla visione di questa mostra ne usciamo riportando intensità e ricchezza, sinonimi di pienezza, nei nostri diari personali faremo annotazioni e piccoli schizzi. La nostra mente umana ha spaziato e si è collegata con l’oltretomba, con l’antica cultura egiziana già interiorizzata e riportata alla luce, attraverso le “Teche della memoria”.
Gli “Appunti di viaggio: Egitto 2010”di Fernando Cucci ci portano verso la pacatezza e la maturità della vita, quest’ultima esaltata dal mondo dei morti. L’Aldilà, bello e misterioso, esiste ed è sempre con noi, le teche/urne officiano la nostra vita, ci aiutano a scoprire e a rielaborare le esperienze di viaggio fuori e dentro di noi.

1 commento:

  1. wow!! Tanto interessante il tema ed i misteri!!

    http://viaggiegitto.blogspot.com/

    RispondiElimina