Si è verificato un errore nel gadget

sabato 23 febbraio 2013

Entropie


La Sala del Basolato al Palazzo Comunale Fiesole ha accolto Entropie, una collettiva di sedici artisti che ha offerto uno sguardo sui nuovi talenti del nostro territorio col proposito di creare un’interazione tra i vari linguaggi dell’arte.
Le opere esposte hanno dialogato creando entropia dal greco ν en dentro e τροπή tropé trasformazione cioè porta disordine all’interno di un sistema, ci accompagna al cambiamento, al punto di svolta, al rivolgimento, dove i mutamenti avvengono invariabilmente in una direzione sola, quella verso il maggior disordine. Gli artisti di questa mostra seguono percorsi molto diversi ma tutti arrivano a una trasfigurazione, a una svolta e a un sovvertimento dell’arte stessa.
Danilo Zappulla richiama Jan Vermeer con Ragazza con pircing al naso, 2011.  Giuseppe Zanone con Giacomo Pietrapiana e Annegriet Camilla Spoerndle ci ha attratto con Narciso, 2010 restituendoci un odierno Caravaggio.
La giovane donna ritratta con sfondi di tessuti arabeschi Post cyborg, 2009 di Virginia Panichi ci invia il post di un futuro che comprenderà l’oriente e l’occidente, con simbologie sacre quali il melograno e il pesce. Panichi riunisce etnie diverse con uno sguardo unico verso il futuro, la rete, la globalizzazione e il suo lavoro diviene una temporanea perdita d’identità per acquisirne una più ampia.
La pelle avrà la fragilità della pelle, 2011 di Ilaria Margutti è una composizione di sei pezzi, parti di corpo di donna su tela ricamati con semi. Vederle impressiona perché è come se l’ago del ricamo ricamasse sulla nostra pelle, c’è dolore, sangue, ferita. Il ricamo con i semi può “abbellire” ma non toglie la sofferenza, le cicatrici rimangono in profondità. La garza traspira e nello stesso tempo protegge le lesioni della pelle, le tracce che il destino ci lascia comprese le spine come in Cristo. La pelle che racchiude il corpo della donna è il magico confine, il simbolo arcaico del contatto con l’istinto e l’intuito, Margutti sta nella propria pelle e ci invita a farlo. Ancora tessuto con Federica Gonnelli che ha presentato con H-Abito, 2012 assemblaggio di organza trasparente stampata a transfert che ci porta all’interno della leggerezza, le quattro figure femminili in abito lungo e bianco sembrano fantasmi, un coro celestiale, o, ancora, angeli caduti dal cielo. Esse formano il quadrato, le quattro direzioni, i quattro elementi, la croce greca, gli evangelisti, H-Abito è abitare, stare e vivere la nostra esistenza nella sua totalità terrena e spirituale.
Di Andrea Marini le opere Gemmazioni, 2010 gemme bianche in vetroresina che come gemme vere si aprono verso il mondo e Ibridoteche 2009 teche in vetro che contengono piante in vari materiali, sono riproduzioni della natura conservate, piccole serre dove vivono surreali piante grasse composte di materiali metallici e sintetici. Questi alcuni artisti della mostra che è una panoramica sulla nostra vita che sempre più è Entropie.

Pubblicato su Cultura Commestibile del 23/02/2013




Nessun commento:

Posta un commento