Si è verificato un errore nel gadget

domenica 17 febbraio 2013

Trasparenze di Andrea Orani





Trasparenze di Andrea Orani sono “stracci” semplicemente panni per pulire che l’artista ha trasformato in altro. Trasparenze perché fanno intravedere la metamorfosi di un banale oggetto. Sono stracci, bagnati, strizzati, allargati, Orani tira ogni straccio, quasi fosse un impasto, il panno si strappa, si buca, forma anelli, se il “disegno” gli piace asciuga il panno steso su un tavolo e lo dipinge di nero poi lo fissa su una base di legno a sfondo monocromatico. Usa solo colori primari per le sue opere, rosso, bianco, blu, nero non ci sono vie di mezzo o combinazioni Blu, 2012 – Giallo, 2012 – Rosso, 2012. In galleria ci troviamo di fronte a colate laviche, dove la lava incandescente rossa e la lava raffreddata nera si sovrappongono e si mischiano per formare scie, croste, catrami Lava, 2012. Andrea Orani è architetto e illustratore, in queste opere esposte si percepisce la sua formazione artistica ma soprattutto la sua voglia e capacità di mettersi continuamente in discussione e di sperimentare l’uso di materiali poveri come gli stracci o il polistirolo. I suoi colori, i materiali che Andrea utilizza, lo spazio trovato di là dello straccio sono richiami e omaggi ad Alberto Burri, Joan Mirò e Lucio Fontana. Spesso la sua sperimentazione è dovuta “al caso” e attraverso queste opere comprendiamo l’apertura, l’entusiasmo e la curiosità che Andrea prova verso il quotidiano; si guarda intorno come se volesse captare ogni stimolo esterno, pronto ad accogliere in sé qualsiasi possibilità di esperienza e trasfigurazione, in questo stanno le sue Trasparenze.
La decontestualizzazione lo porta a usare materiali di uso quotidiano come materia pittorica, Orani manipola gli stracci, li legge come fossero fondi di caffè, ci trova un futuro, una connotazione, ci scorge una caratteristica al di fuori del loro uso comune. Gli stacci usati per pulire diventano trasparenze, crateri lunari, paesaggi e avvistamenti di altro attraverso la ferita inflitta, il buco diventa un cannocchiale per vedere il futuro, per andare oltre allo spazio creato. Le fibre dello straccio si allagano, si distendono, cambiano significato, diventano materia malleabile e incoerente lui stesso diventa straccio che si satura, si strizza e libera segni sulla superficie pittorica. Andrea Orani è Trasparenze, mostra che possiamo visitare alla Galleria Immaginaria di Firenze fino al 27 febbraio 2013.

pubblicato su Cultura Commestibile del 16/2/2013

Nessun commento:

Posta un commento