Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 6 aprile 2015

Pensiero Manifesto di Simonetta Fratini



Spazio Glicine si affaccia sulla corte interna della copisteria La Fotocopia in Via San Gallo 2r a Firenze. E’ uno spazio nato da poco dove possiamo degustare un caffè e vedere mostre d’arte contemporanea. Lo scorso sabato 21 marzo si è inaugurata la mostra dell’artista grafica Simonetta Fratini dal titolo Pensiero Manifesto aperta fino al 30 aprile 2015. Le opere di Fratini non sono mai banali, le sue immagini mirano e arrivano direttamente dentro di noi, il pensiero diventa manifesto in un gioco di parole e figurazioni. Sono immagini semplici come sintetici sono i pensieri che le accompagnano, ma non ci lasciano indifferenti, anzi attraverso la loro leggerezza e ironia ci mettono di fronte a importanti temi sociali. Di fronte a queste opere grafiche sorridiamo ma al tempo stesso ci obbligano a riflettere perché Fratini riesce a colpirci nel punto giusto con molto tatto e soprattutto con tanta allegria. Pensiero Manifesto è una sorta di giornale, un quotidiano nel quale possiamo leggere e commentare i fatti con cui ogni giorno ci confrontiamo, con grande umorismo Fratini ci porta nel selfie, nel cibo, nell’edilizia, nella violenza in famiglia manifestando chiaramente i suoi pensieri legati a un’immagine grafica. Ci divertiamo molto a confrontarci con il suo e il nostro Pensiero Manifesto perché le sue elaborazioni grafiche nascono dalla voglia di comunicare in modo intelligente, chiaro e accattivante, ci riesce molto bene perché la sua giocosità è piena di stimoli per noi. In mostra anche altri progetti grafici di Simonetta Fratini Animalocchi esseri animali che con il loro grande occhio osservano il mondo senza giudicarlo cercando di capire ciò che accadrà intorno a loro. Essi sono allegri, alle volte imbronciati o impauriti, ma sempre ci conducono in un mondo festoso, dove occhio e malocchio fanno Animalocchio per un nostro personale piacere nel camuffarci e scrutare il mondo con l’occhione ingenuo ma non per questo meno profondo e soprattutto accogliente. Fractus è composto d’illustrazioni digitali vettoriali che riproducono un particolare di un soggetto che poi diventa altro e crea una sua vita propria separata dal soggetto stesso. Appesi ai vetri delle finestre che danno sulla corte con il glicine tra non molto in fiore, i Plexieyes che sono portafortuna pieni d’allegria, richiamano gli edifici dell’Europa settentrionale e anche i cristalli di neve. Appesi ai vetri dialogano tra l’interno e l’esterno e sono il collegamento tra la mostra della sala e i Fractus esterni appesi al glicine.





Nessun commento:

Posta un commento