Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 6 aprile 2015

EGO di Simone Gori





Nel buio lo spazio vitale ci è sottratto e siamo costretti quasi a abbandonare la sala che è piena di una grande camera d'aria di tessuto sintetico che fuoriuscendo da una piccola scatola (contenitore -corpo individuale) si espande gonfiandosi e sottraendoci aria e spazio. E' EGO opera del giovane artista pratese Simone Gori ospite alla Galleria La Corte di Firenze fino al 13 aprile 2015. L'installazione è composta da una camera d'aria in fibra poliammide poggiata su bancali ai quali sono incollate alcune fotografie di grande formato. Le foto ritraggono l'artista di schiena nell'atto di sorreggere il grande peso del suo stesso EGO che si gonfia sempre più nella forte concentrazione su se stesso tipica di chi fa arte e in generale della auto promozione che oggi con i media sembra alla portata di tutti esprimere e pubblicizzare la propria creatività. L'EGO artistico si gonfia e prende spazio, forse troppo fino a far uscire gli altri dalla propria vita creando solitudine e peso, il peso che Gori sostiene sulle sue spalle. Fare arte è anche prendersi carico di questo Ego che vuole farsi notare attraverso la creatività rischiando che quasi tutta la vita dell'individuo ruoti intorno all' EGO artistico, tutto ciò può diventare molto pesante perché spesso le scelte sono fatte in solitudine e alcune volte senza essere capiti profondamente capiti.
In galleria a fatica possiamo camminare intorno all'opera perché EGO ci spinge verso la parete e ci schiaccia costringendoci quasi ad annullarci per fare posto a lui, non abbiamo la possibilità di interagire con l'opera ma possiamo solo constatare che è talmente gonfio di se che non si accorge di noi, del nostro corpo e ancor meno dei nostri pensieri. Eppure è un EGO non rigido, quasi giocoso, ricorda una mongolfiera ma non vola sicuramente si gonfia anche per difesa per farsi forza di fronte alla critica e al pubblico, perché l'artista è pur sempre la persona che attraverso la sua opera si mette a nudo di fronte al mondo con il coraggio di far vedere le debolezze, le paure, i dolori convertendo tutto questo in oggetto artistico attraverso la creatività. Dentro o dietro questo enorme EGO forse c'è anche tanta fragilità e paura di non riuscire, di non essere capito, di essere rifiutato, di non essere all'altezza di... L'artista è Atlante dalla mitologia greca, il Titano condannato a reggere sulle sue spalle la volta celeste spesso raffigurata come il mondo, esso è colui che sopporta/porta, Atlante è anche la prima vertebra cervicale che regge il peso statico e dinamico della nostra testa. L'artista è colui che si fa carico del mondo inteso come umanità come se portasse su di se la possibilità di espandere la creatività umana in un grande enorme EGO perché l'opera di Simone Gori non è solo l'EGO dell'artista ma anche rappresentazione dell'arte.







1 commento:

  1. Il peso gravitazionale apparente è sublimato dalla forza interiore che l'uomo per sua natura ha e che lo fa appartenere all' Essere Creativo e che lo differenzia dagli altri esseri.

    RispondiElimina