Si è verificato un errore nel gadget

sabato 6 aprile 2013

Muraglie di Roberto Innocenti



Sabato 23 marzo 2013 presso l’Accademia d’Arte e Design Leonetto Cappiello di Firenze c’è stata l’inaugurazione della mostra personale Muraglie di Roberto Innocenti, uno dei grandi maestri dell’illustrazione internazionale. Etimologicamente la muraglia è una fabbrica di sassi o mattoni connessi insieme, detta anche muro ma varia da quest'ultimo perché implica essenzialmente un'idea collettiva, di grandiosità e di estensione. Alle volte è un edificio di per sé come la Muraglia Cinese e fatta per difesa e fortificazione mentre il muro è fatto per divisione o recinto. Niente di più appropriato di questo titolo per la mostra di Innocenti perché lui pensa alla sua arte, definita come Arte applicata, a un mezzo di divulgazione e valorizzazione della creatività rivolta al pubblico e al sociale circostante e non per il privato come potrebbe essere la pittura o la scultura. Ama pensare che le sue illustrazioni e i suoi libri siano in giro per il mondo, toccati da tante mani, e letti in tante lingue diverse. Attraverso il suo lavoro Innocenti propone informazione, conoscenza, comunicazione, bellezza come “compagna abituale per una comunità di cittadini evoluti”. Solo così i suoi muri diventano Muraglie e si ampliano, diventando grandiosi e importanti, estensioni e divulgazioni oltre i muri delle città, dei paesi, costruzioni autonome che assumono valore e affermazione. Le Muraglie hanno, inoltre, una funzione di difesa dell’illustrazione che, purtroppo, sta lentamente scomparendo. Innocenti ama disegnare muri, i muri delle case, dei castelli, muri intorno a paesi, li dipinge mattone su mattone con immensa precisione e delicatezza, le velature fanno diventare reali questi muri, la luce ci rotola sopra con mille sfumature. Nelle sue illustrazioni si legge già una storia vera o di fantasia e spesso esse hanno generato il racconto. In questa mostra ci sono i suoi volumi pubblicati insieme al suo primo libro d’autore Rosa Bianca pubblicato negli Stati Uniti nel 1985. Alle pareti ci sono  le stampe di alcune illustrazioni e i bei manifesti dove l’inventiva di Roberto Innocenti non è mai banale anche nel proporre eventi cittadini. La mostra di Roberto Innocenti è visitabile fino al 26 aprile 2013.

www.robertoinnocenti.com 

 

Nessun commento:

Posta un commento