Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 12 novembre 2014

Alogo di Dimitris Chiotopoulos






Alogo di Dimitris Chiotopoulos è la mostra, curata da Giuliano Serafini, alla Galleria La Corte Arte Contemporanea di Firenze visitabile fino al 18 novembre 2014. Sono dieci tele che fanno parte di un più ampio progetto dell’artista dal titolo “Total Art”, dieci variazioni cromatiche di una stessa icona, appunto alogo dal greco moderno cavallo, anzi due sagome di cavalli che si fronteggiano, si abbracciano e si fondono nella dispersione cromatica al limite della riconoscibilità. Sono dieci tavole come i dieci comandamenti, dieci tavole ognuna di un colore diverso, dieci icone che ci trasmettono un particolare messaggio espresso anche dai colori usati dall’artista. Le immagini sono fuori dal tempo e dallo spazio trasfigurate e lontane dalla fisicità. I corpi dei cavalli acquisiscono dissolvenza, astrazione e incorporeità, il colore diventa gioia dello spirito proprio come nelle icone. Ci smarriamo nelle figure che si disperdono in belle e corpose pennellate con un movimento verso l’alto che smaterializza le forme dipinte. La posizione delle tele richiama un cerchio, le dieci opere ci ricordano che il numero dieci è la perfezione concernente lo spazio-tempo circolare e indica il cambiamento che permette l’evoluzione e la crescita spirituale. Entrare in galleria è scoprire enormi carte dei tarocchi con le quali possiamo giocare a leggere il nostro futuro, ci sentiamo parte di un tutto che ci fa scordare il particolare per entrare in una dimensione universale e arrivare direttamente all’origine: “…intercettare la visione perché da quel flash emanasse l’essenza “spirituale” del cavallo, la sua anima..” scrive Giuliano Serafini. Queste tele ci aprono, inoltre, al ricordo di un antico monumento, il cerchio di pietre. La mostra di Dimitris Chiotopoulos è ricerca dell’essenza, Alogo diventa opportunità di evoluzione spirituale per abbracciare il tutto unico dove la fusione diviene conoscenza e l’essenza è l’esistenza. Alogo di Dimitris Chiotopoulos si fa, quindi, essenza stessa della vita.
 


Nessun commento:

Posta un commento