Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 22 novembre 2013

Dai piedi alla testa opere istallazioni performance 1968 - 2013 di Luca De Silva



Tutta la nostra vita è il nostro corpo: ideale, antropologico, psicologico, assente o virtuale, d’arte, di sogno come i sei periodi principali del percorso artistico di Luca De Silva. Il corpo è il protagonista della sua bella mostra antologica “dai piedi alla testa opere installazioni performance 1968 – 2013 al Palazzo Medici Riccardi fino al 30 novembre 2013. Il corpo è estensione dei nostri sentimenti, contenitore di sogni e d’ideali, il corpo come esaltazione dell’amore e dell’espressione artistica che diventa anche superficie sulla quale dipingere, protagonista di foto e sculture, esso stesso opera d’arte. Luca De Silva è uno sciamano che fa un viaggio spirituale nella realtà oltre al mondo quotidiano. La parola “sciamano” ha la radice indoeuropea sa legata al verbo sapere e mánu uomo, Luca De Silva è un uomo di sapere, la sua conoscenza è data dall’interagire con l’universo per essere in contatto con altre realtà della natura, ha il coraggio di esporre se stesso per trasmettere i propri desideri e le proprie passioni nella società avendo la consapevolezza che la sua percezione del mondo è una sua verità soggettiva. De Silva con la sua arte ci dice che ogni persona può compiere il viaggio nella realtà non-ordinaria, non abbiamo bisogno d’intermediari per avvalerci della saggezza e dei poteri di guarigione dell'universo e la spiritualità è una capacità innata dell'essere umano. Con le sue opere “guarisce” se stesso e ci aiuta a ri-conoscere in noi quel sapere arcaico e sporco dei piedi che affondano nella terra, spesso abbandonato per il sapere della testa, pulito ma alle volte solo concettuale. Nella mostra dai piedi alla testa il corpo attinge energia dal basso che si espande verso l’alto, essa parte dalla terra per poi salire come se l’energia della madre terra fosse nutrimento del nostro corpo fisico, mentale e spirituale. Dai piedi alla testa capovolge, inverte forse disturba il classico “dalla testa ai piedi” perché possiamo essere anche diversi e procedere dai piedi non solo dalla testa. Incedere dai piedi è venire dalla terra, dalla natura, dalle nostre radici, è fare parte di un tutto che è energia fisica e spirituale, è riuscire a convogliare e trasformare l’energia della terra in creatività. De Silva ha un percorso artistico personale che è la sua vita, “Mi sono fatto l'idea - dichiara De Silva - che l'artista si muova nelle forme dell'arte come un alchimista, il quale si accorge che il valore e il senso delle cose sono nel percorso, nel processo del fare: l'oggetto, l'opera, è solo il pretesto”. A vedere questa mostra abbiamo la sensazione che l’artista ri-nasca a ogni opera liberando qualcosa di se e del mondo che lo circonda. Le opere sono molto forti, lentamente i nostri piedi affondano e mettono radici, diventiamo alberi che uniscono la terra al cielo, il mondo inferiore a quello superiore e tramite tra la sapienza innata del cosmo e dell’individuo.
www.lucadesilva.com

Pubblicato su Cultura Commestibile

 


 


Nessun commento:

Posta un commento